venerdì 26 aprile 2013

Elisa - Rosse come il Peccato


 
 
 
Elisa
Rosse come il Peccato



L'ora di chiusura era arrivata, le sette e trenta praticamente. Il proprietario del negozio stava iniziando a spegnere le luci, dopo aver salutato le commesse che uscivano, quando la vide arrivare trafelata ed entrare quasi di corsa.

<< Mi dispiace immensamente per l'ora, sono arrivata solo adesso. Posso ancora provare un paio di scarpe velocissima? O è troppo tardi?>>

Disse la ragazza affacciandosi dalla porta d'ingresso.

Lui le sorrise. Era Elisa, un'ottima cliente, oltre che una splendida donna, perdipiù amante di scarpe con tacco alto e di cose più sofisticate delle innumerevoli noiose e poco sensuali sneaker che lui vendeva in maggioranza.

<<Ciao.>>

Le rispose lui.

<<Ma certo, ci mancherebbe. Vieni, entra che arrivo subito.>>

Finì di abbassare le luci della vetrina nella configurazione notturna e una delle serrande esterna e si avvicinò a lei, che intanto era entrata.

<<Eccomi. Sono tutto tuo.>>

Disse l'uomo con un sorriso ironico.

<<Cosa avevi in mente?>>

Lei lo guardò ridendo.

<<Guarda che potrei prenderti in parola. La mia mente è una fucina di idee!>>

Rispose lei con un sorriso stuzzicante e quel lieve accento toscano che a lui era sempre piaciuto moltissimo.

Entrambi iniziarono a ridere.

<<Battute a parte>> Aggiunse lei. <<Volevo provare quelle magnifiche opentoe rosse con il tacco altissimo che hai in vetrina.>>

<<Ottima scelta direi, il 38 arriva subito>>

Replicò lui, ricordandosi il suo numero, cosa che le strappò un altro sorriso, e andando rapidamente nel retro del negozio a prendere la scatola. Ritornò subito dopo con la scatola blu di Sergio Rossi in mano, tolse le scarpe da dentro e le passo alla ragazza, tutto senza distogliere lo sguardo dal suo.

Lei le prese in mano, quasi con riverenza. Erano veramente splendide. In vernice rossa fiammante, con il tacco di 13 centimetri e un alto plateau anteriore, e solo leggermente aperte in punta. Si sedette sul divanetto di pelle chiara, mostrando ancora di più le gambe, già decisamente esposte sotto la corta gonnellina a pieghe nera che indossava e si sfilò elegantemente le décolleté nere che indossava.

Lui come sempre restò turbato dalle sue splendide gambe e dai suoi piedi molto sensuali, ora inguainati da calze a rete ampia nere, che non nascondevano lo smalto rosso fuoco, in tinta con quello delle mani. Il profilo dell'ampia fascia di pizzo delle autoreggenti apparve provocante mentre lei indossava le due scarpe rosse. Poi lei si alzò facendo qualche passo in direzione dello specchio.

È davvero immensamente sexy con quelle scarpe. pensò l'uomo.

L'outfit che indossava poi, molto serio, con camicia bianca e giacca stretta nera sopra la gonna corta, faceva risaltare ancora di più il fascino di quelle scarpe rosse, come se un incendio di sensi iniziasse a svilupparsi dalle sue estremità in attesa di propagarsi al resto del suo bellissimo corpo.

<<Ti stanno davvero bene. Magnificamente direi>> Disse lui, mentre la ragazza si pavoneggiava un po' davanti al grande specchio a parete.

<<Sì è vero. Mi piacciono davvero tantissimo.>>

<<Certo peccato per quella calza a rete nera, che decisamente non è adatta alla scarpa, senza renderebbero molto di più>> Aggiunse lui, sorridendo.

Lei si guardò ancora, con un'espressione un poco imbronciata, mordendosi il labbro inferiore, come se stesse riflettendo intensamente, forse sulle sue parole.

<<In effetti è vero>> Disse togliendosi la scarpa destra e appoggiando sul pavimento il piede. Quindi in modo estremamente naturale mise le mani sotto la gonna e abbassò il bordo di pizzo della calza sfilandosela rapidamente.

Lui deglutì forte un paio di volte. Quel gesto apparentemente sbarazzino lo eccitò fortemente. Mentre lei, con la calza che pendeva dalla mano, rimetteva la scarpa, lui sentì ergersi forte l'eccitazione sotto i jeans, così repentina e intensa da essere sicuramente evidente allo sguardo.

<<Così è davvero molto meglio non trovi?>>

Disse lei, guardandolo in modo provocante.

<<Sì! Assolutamente meglio>> Rispose

<<Così è proprio perfetta, sembrano fatte apposta per te.>>

<<Sì, le sento magnificamente davvero. Peccato solo per il prezzo esagerato. Dovresti farmi uno sconto extra per lo strip.>>

Replicò lei sorridendo ancora e agitando la calza con la mano, in modo insieme ironico e peccaminoso.

Lui rise.

<<Ah questo è sicuro. Dieci per cento di sconto per la calza!>>

Rise anche lei.

<<Allora aggiungiamo l'altra e arriviamo al venti per cento.>>

Disse lanciandogli la calza che aveva tra le mani. Lui l'afferrò al volo, trattenendosi a fatica dal portarla sul viso e annusarla. Aveva sempre avuto una passione per i piedi e le gambe delle donne, e la sola presenza di quella calza a rete tra le mani lo stava eccitando davvero oltre misura. I pensieri volavano frenetici, intrecciandosi in infinite fantasie sempre più perverse.

Intanto Elisa guardandolo negli occhi si era tolta la scarpa sinistra e si stava sfilando, molto più lentamente di prima, l'altra calza a rete. Quando fu tolta se la passo sul viso, ammiccando e ridendo, quindi gli lanciò anche quella e si rimise la scarpa.

Lui restò in silenzio a guardarla, con quelle calze in mano, strette tra le dita, che lievi le accarezzavano immaginandole ancora su quelle magnifiche, atletiche gambe.

<<Quindi ora siamo al venti per cento.>>

Disse lei, avvicinandosi.

<<E così fa trenta?>>

Chiese, sollevando interrogativa il sopracciglio destro mentre si sfilava la giacca nera e la gettava su uno dei divanetti.

Lui comprese che stavano per perdersi in un gioco che non si sa dove avrebbe portato, un gioco che però lo stava intrigando oltre misura.

<<Certamente. Ora siamo a trenta.>>

Rispose lui sorridendo, e questa volta stringendo le calze nel pungo e passandole davvero ostentatamente sul viso.

Vuole giocare? Pensò lui. E allora giochiamo!

<<Offri di più?>> Aggiunse guardandola con aria di sfida.

Lei rimase immobile alcuni secondi, pensierosa. Valutando la situazione. Fino a quel momento era stato un gioco, scherzoso, poteva terminare lì la cosa, comprare le scarpe e tornare a casa, oppure...

Oppure posso scoprire fino a dove possiamo arrivare con questo gioco. Pensò lei.

In fondo quell'uomo le piaceva, era simpatico, intrigante, e aveva saputo anche alcune cose piccanti sul suo conto che l'incuriosivano.

Senza dire nulla lei iniziò quindi a aprire lentamente, molto lentamente i perlacei bottoni della camicia bianca. Poco a poco apparve un reggiseno blu intenso, semitrasparente, che le fasciava il seno in modo delizioso lasciando appena intravedere i piccoli rosei capezzoli. Terminati i bottoni, aprì ostentatamente le braccia verso il basso e lasciò che la camicia scivolasse a terra. Sorridendogli con aria di sfida.

<<Che magnifico spettacolo!>>

Disse l'uomo.

<<Ora siamo a quaranta.>>

E attese, sempre guardandola e accarezzando le calze tra le dita in modo provocante.

<<No. Cinquanta!>>

Replicò lei mentre con gesto rapido abbassava la zip laterale della gonna, che cadde ai suoi piedi, intorno alle scarpe rosse, oggetto principale del gioco.

Che paradisiaca visione! Pensò lui.

Lei fece un passo avanti, lasciando dietro di se la gonna e restò in piedi di fronte all'uomo. Ora oltre alle scarpe aveva solamente il reggiseno e delle bellissime culotte, sempre blu, che le fasciavano i fianchi e il sedere in modo decisamente accattivante.

Lui si morse il labbro per riuscire a trattenersi dall'allungare le mani e sfiorare la sua pelle chiara. Poteva percepirne il calore, il profumo. La voglia di accarezzarla, baciarla, assaporarla era ormai irresistibile.

Riuscì però a sorriderle e sfidarla ancora.

<<Cinquanta è un ottimo risultato direi. Abbandoni?>>

Lei avvicinò il viso al suo, molto vicino. Sentì il profumo del suo rossetto, del suo collo mentre si avvicinava con le labbra all'orecchio e gli sussurrava piano.

<<Io non abbandono mai. E vinco sempre. Sappilo.>>

Quindi passò le mani dietro la schiena e in un lampo il reggiseno cadde in avanti. Lui istintivamente aprì la mano afferrandolo prima che cadesse e lo sollevò, mostrandolo come un piccolo trofeo.

<<Sei a sessanta ora.>>

Le disse con uno sguardo di impazienza, come a esortarla a mettere in pratica la sua ultima affermazione.

Lei si voltò, facendo qualche passo verso lo specchio, donandogli la magnifica visione del suo sedere che oscillava, stretto nelle culotte. Poi sempre girata di schiena portò le mani ai lati dell'intimo e mise le dita sotto l'elastico tirandolo un poco verso l'esterno. Lentamente, molto lentamente le abbassò verso le ginocchia, piegandosi leggermente in avanti e offrendogli una paradisiaca visione che turbò oltremodo i suoi già più che lussuriosi pensieri. Infine anche le culotte caddero tra le scarpe che lei scavalcò girandosi e tornando verso di lui.

Ora indossava solo le scarpe rosse. La visione di quella nudità sensuale e provocante gli faceva bollire il sangue. Non riuscì a non guardare a lungo tra le sue gambe, quella totalmente liscia porzione di pelle che lasciava intravedere uno splendido rosato tra le labbra intime e preannunciava infiniti piaceri. Avrebbe solo voluto gettarsi tra quelle gambe per baciare, leccare, gustare, succhiare e stringere senza smettere più.

Lei lo guardava con aria di vittoria, con una naturalezza e sfrontatezza provocante. In fondo era poco più di una sconosciuta, e ora completamente nuda davanti a lui vestito. La situazione era decisamente inusuale e estremamente eccitante.

<<Ok. Hai vinto.>>

Disse l'uomo, così irresistibilmente attratto da quella assoluta nudità, così vicina, così sfrontata.

<<E adesso cosa devo fare?>>

Aggiunse lui.

<<Ora devi pagare pegno.>>

Rispose lei, avvicinandosi ancora di più. Gli prese le calze e il reggiseno dalle mani. Lasciò cadere a terra il reggiseno senza curarsene e si portò dietro di lui, accarezzandogli distrattamente la spalla sinistra. Poi gli fece scivolare le dita sottili e forti lungo le braccia portandogli le mani dietro la schiena, quindi gli unì i polsi legandoli stretti con le due calze a rete intrecciate.

Tornò davanti, guardandolo negli occhi. Lo sguardo dell'uomo era stupito, curioso e forse un poco spiazzato. Senza dire nulla gli appoggiò le mani sulle spalle e lo spinse verso il basso. Si lasciò spingere in ginocchio senza opporre resistenza e lei si avvicinò ancora.

Ora, anche grazie ai tacchi a spillo, il suo glabro invitante intimo era praticamente contro il suo viso. Sentì l'odore del suo desiderio e avvicinò istintivamente la bocca mentre lei apriva di più le gambe, offrendogli la vista dell'eccitazione che imperlava le sue intime labbra. La bocca di lui si aprì e la lingua assetata le penetrò tra le gambe, provocandole un forte brivido di eccitazione e un gemito animalesco di piacere.

La lingua poco a poco affondò sempre di più, mentre le labbra stringevano e succhiavano stuzzicando intensamente il clitoride rosso, duro e eccitato. Le mani di Elisa si posarono sulla sua testa stringendo e premendo, spingendolo ad affondare ancora di più la bocca e la lingua, a leccarla più forte, sempre più profondamente e ritmicamente. Lei poco a poco sentì l'orgasmo avvicinarsi, ma non voleva ancora godere, era troppo presto, voleva assaporare di più quella situazione, quindi si staccò e si girò, dandogli le spalle. Piegando il busto verso il basso poi arretrò nuovamente porgendogli il suo splendido culo e spingendolo sulla sua bocca.

Affondò ancora la lingua, questa volta dietro, leccandole a fondo il culo e scendendo poi lungo il perineo, strappandole altri gemiti di piacere e lambendo su e giù in ogni punto sensibile.

Se è bravo con il resto come con la bocca, sarà davvero una serata indimenticabile.

Si disse lei, mentre quella lingua famelica non smetteva un attimo di solleticarla e eccitarla, finché si abbandonò a un lungo intenso e profondo orgasmo.

Ripresasi dai tremiti del piacere decise di non dargli tempo di pensare troppo. Lui stava ancora assaporando sulla lingua e tra le labbra il dolce sapore del suo godimento, quando una di quelle lucenti scarpe rosse si appoggiò sul suo petto, spingendolo brutalmente a terra con la schiena, disteso supino.

Iniziò a camminargli intorno. Il ticchettio dei tacchi risuonava nel silenzio, vederla così da terra nuda e incombente, rese la sua eccitazione quasi parossistica. Se non avesse avuto le mani bloccate dietro la schiena dalle calze avrebbe dovuto assolutamente toccarsi, premere sull'erezione che gli toglieva il fiato.

Quasi gli avesse letto nella mente fu lei a farlo, posando una delle scarpe sui suoi jeans, proprio sopra l'evidente rigonfiamento. Prima accarezzò piano girando intorno con la punta e il tacco, costringendolo a mordersi le labbra per non gemere, infime appoggiò la suola dall'alto plateau e spinse più forte, sentendo la durezza, la voglia, prepotente sotto il suo piede.

Quando la spinta si fece intensa lui cedette, mugolando di piacere e di desiderio mentre la pressione aumentava, abilmente modulata da quella lunga sinuosa gamba, che giocando così apriva ancora e ancora alla vista quella fonte inesauribile di dolce piacere che lui aveva appena gustato.

Ma anche l'eccitazione di Elisa tornava sempre più. Quel gioco, quella situazione la eccitava oltre misura. Sentiva il desiderio che le contraeva i muscoli vaginali, sentiva la voglia bagnarle l'interno delle cosce. Premette ancora, soddisfatta della durezza e resistenza che incontrava la scarpa, infine, vinta dalla bramosia, dopo aver prolungato quella dolce sofferenza oltre il possibile si inginocchio al lati del suo corpo. Rapida slaccio la sua cintura, sbottonò i pantaloni e con un unico violento gesto tirò verso i piedi insieme boxer e jeans, liberando il suo pene eretto che balzò verso l'alto, tremando in sussulti incontrollati. Senza nemmeno sfilargli completamente i vestiti avanzò sulle ginocchia ai lati dei fianchi dell'uomo, gli afferrò il membro durissimo con la mano, stringendolo tra le dita con un intimo gesto di possesso, facendolo inarcare di piacere e gemere di desiderio, quindi rapida scese con il bacino su di lui.

Il duro maschile incontrò perfettamente il morbido, umido femminile e scomparve rapido in lei, mentre entrambi emisero un gemito di voluttà, all'unisono. Rimase un poco ferma, godendosi quella calda pulsante rigidità dentro, che la riempiva e stimolava così magnificamente, poi lentamente, molto lentamente cominciò a montarlo.

Lui, con le mani ancora bloccate dietro la schiena e le caviglie serrate dall'intreccio di jeans e boxer poteva solo assecondare i suoi movimenti inarcando il bacino mentre quella splendida amazzone saliva e scendeva lussuriosamente sul suo pene voglioso. Lei lo fissava, con uno sguardo insieme di passione e voluttà, nei suoi occhi rilucevano pensieri osceni e voglie sfrenate. Intanto si accarezzava da sola i seni, stringendo i piccoli rosei capezzoli eretti, duri e vibranti tra le dita.

Elisa venne al culmine della cavalcata, abbassandosi su di lui, baciandolo profondamente e con foga e mordendogli le labbra. Ma sentiva il suo membro ancora duro e forte dentro, che ritmicamente si irrigidiva solleticandola e stuzzicandola ancora. Senza dubbio lui era prossimo ad un fin troppo trattenuto orgasmo.

Si voltò, sedendosi sul suo viso, e, mentre la lingua famelica dell'uomo tornava in azione penetrante e lubrica tra le sue gambe, si prese qualche minuto per osservarlo. In effetti l'aveva scopato e stretto appena tra le dita, ma non l'aveva ancora quasi guardato. Si gustò quel tendersi frenetico, istintivo verso di lei, verso il suo viso che si era avvicinato a lui così tanto da sentirne l'odore. Odore di desiderio maschile, mescolato a quello del suo intenso orgasmo. Lo strinse ancora tra le dita, godendosi insieme le sensazioni sublimi che la lingua esperta dell'uomo le donava frugandola così profondamente e il caldo irrefrenabile desiderio che le palpitava nella mano.

La lussuria prese il sopravvento e passò la sua rossa tenera lingua su quell'asta pulsante. Lo sentì gemere contro la sua vagina fradicia, mugolare di piacere dentro di lei quando lo accolse tra le labbra, leccando, succhiando e ogni tanto stringendo appena con i denti, come adorava fare per miscelare così tremendamente piacere e dolore fino a fonderli insieme.

Lo condusse più volte a un passo dall'orgasmo, per poi fermarsi e lasciarlo mugolare di desiderio frustrato. Adorava quel tipo di sensazione, il divino potere di dispensare o meno piacere. Intanto, mentre riprendeva a stuzzicarlo con lingua e bocca, la sua piccola mano si era intrufolata più giù, solleticando e stimolando i testicoli e poi lasciando scivolare le dita lungo il perineo e fino al suo culo. Senza smettere di leccare e succhiare molto lentamente, così da non consentirgli di godere, introdusse il medio dentro di lui, prima giocando leggera sull'orlo, poi spingendosi sempre più a fondo, facendo salire i sospiri di piacere e la velocità della lingua che la penetrava. Godette così ancora, una terza volta nella sua bocca, mentre le dita dentro di lui erano diventate ora due. Sentì di nuovo dalle vibrazione del pene che l'orgasmo era imminente, così si fermò nuovamente, togliendo anche la mano.

Si sollevò dal corpo dell'uomo, spostandosi ai suoi piedi e sfilandogli completamente i pantaloni e boxer che erano ancora stretti intorno alle sue caviglie, quindi, tenendolo per i polpacci, si distese con le gambe sopra le sue e iniziò a sfiorargli il membro con le scarpe. Lo accarezzava con la punta, con l'interno e lo stringeva tra le due scarpe, muovendosi su e giù lentamente. Una lunga irresistibile tortura per l'uomo che, sollevata la testa, osservava la scena eccitato. Le gambe di lei aperte, spalancate. Le scarpe rosse fiammanti che le inguainavano così magnificamente i piedi strette intorno alla sua erezione e il volto peccaminoso, voglioso e eccitato di lei per il gioco che proseguiva sempre più.

Ad un certo punto, senza smettere di far scivolare su di lui la scarpa sinistra, spostò la destra più sotto, spingendo poco a poco il sottile lungo tacco di vernice tra le gambe, seguendo la strada aperta poco prima dalle sue dita viziose. Mentre il tacco lo penetrava strappandogli gemiti di piacere e stupore lei sfilò il piede sinistro dalla scarpa, lasciandola cadere a terra di lato e cominciò a stringergli il pene tra le dita. Si mosse così su e giù sempre più velocemente, strappandogli un grido di desiderio, finché quell'orgasmo tanto desiderato e frustrato esplose in una cascata di piacere che ricadde sul piede nudo di lei e sulla scarpa, coprendo la vernice rossa di grandi gocce bianche.

Si abbandonarono quindi a terra. Rilassandosi nel piacere e nella consapevolezza dei momenti appena goduti. Fu lei la prima a parlare.

<<Ma che porco. Guarda che hai fatto. Hai sporcato la mia scarpa nuova!>>

Disse ridendo e passando un dito sulla vernice, raccogliendo diverse gocce e portandoselo poi alle labbra. Si succhio il dito voluttuosamente emettendo un suono compiaciuto.

<<Già. È terribile.>>

Replicò lui sollevando a fatica la schiena da terra e mettendosi seduto.

<<Dovrò aggiungere un altro trenta per cento di sconto per farmi perdonare.>>

Aggiunse strizzandole l'occhio e sorridendo, mentre sforzando un poco spalle e braccia allentò la presa delle calze a rete e liberò le mani, raccogliendo poi la scarpa sinistra da terra, porgendogliela.

Risero entrambi.

<<La prossima volta dovrò legarti meglio mi sa.>>

Gli disse rimettendosi la scarpa sinistra e avvicinandosi per baciarlo.

<<Quindi avresti potuto liberarti in qualsiasi momento?>>

Chiese ridendo quando staccò la bocca dalla sua.

<<No!>>

Replicò lui.

<<Solo quando faceva ridere!>>














4 commenti:

  1. ciao (amalia amelia)

    RispondiElimina
  2. Interessante. Scarpette rosse..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh già, le scarpette rosse hanno sempre il loro perché, nonostante la strega di Oz ;)

      Elimina